Guide
TACCHI ALTI SENZA DOLORE:ECCO COSA FUNZIONA
14 aprile 2016
18
, ,
high heels

Tacchi alti, portati per ore senza sentire dolore o senza passare le pene dell’inferno.  Questa è una delle chiavi di ricerca più digitate e non faccio fatica a crederlo dato che non conosco donna che non vorrebbe conoscere il segreto per poterci riuscire. E gironzolando tra i risultati che il Sig. Google restituisce c’è da farci quattro risate e spero che chi ha scritto certi articoli si proponesse proprio questo, se no non si spiega. Si passa da chi consiglia di mettere le scarpe nel congelatore a chi reputa miracoloso spalmarne l’interno con la vaselina. A parte che non ho un congelatore abbastanza grosso, ma in ogni caso non credo che per esempio le mie bellissime scarpe di velluto gradirebbero un trattamento simile e nemmeno i miei stivaletti dipinti a mano del resto. Ed è proprio da qui che voglio cominciare con il primo consiglio che funziona davvero su come indossare i tacchi alti senza soffrire:

  1. le scarpe alte devono essere di buona qualità. Se con i modelli bassi possiamo azzardare anche acquisti low cost, con il tacco alto è meglio evitare soprattutto se sono scarpe che porteremo da mattina a sera o con cui dovremo camminare molto.  I materiali utilizzati e la struttura che insieme determinano la calzata fanno una grandissima differenza tra una scarpa e l’altra ed i primi ad accorgersene saranno proprio i vostri piedi;
  2. allenamento. Anche se avete acquistato la scarpa migliore del mondo, se siete solite portare i tacchi due volte all’anno è inevitabile un po’ di dolore e non solo ai piedi, ma anche alla schiena e ai polpacci. C’è una postura precisa quando si cammina con le scarpe alte che s’impara solo con l’esercizio, tutte le fasce muscolari coinvolte si rinforzano e portare i tacchi non è più una tortura. Abituatevi ad indossarli almeno un paio di volte a settimana e vedrete che piano piano le cose migliorano. Io ho un amica che porta esclusivamente il tacco alto da più di 30 anni, ci ha fatto anche il safari in Kenia come se avesse indosso un paio di sneakers. Allenamento ragazze, allenamento;
  3. cuscinetti di silicone. Funzionano abbastanza bene, perlomeno i piedi cominceranno a fare male un paio di ore dopo il solito.

 

tacchi alti

 

About author

valentina

primo appuntamento

PRIMO APPUNTAMENTO:COME VESTIRSI E COMPORTARSI

Read more
sembrare più giovani

SEMBRARE PIù GIOVANI SENZA ESSERE RIDICOLI

Read more
jeans

JEANS: ISTRUZIONI PER L'USO

Read more

Related Posts

There are 18 comments

  • Nico ha detto:

    Hai ragione sull’allenamento, è fondamentale!

    Guida al trend: la gonna plissè
    lb-lc fashion blog
    Bloglovin

  • Elisabetta ha detto:

    Hai ragione acquistare scarpe alte di qualità e i cuscinetti, li ho provati e sono utili! Baci Elisabetta

  • Manuelita ha detto:

    Tacco = sofferenza …. non c’è storia !!!!
    Buona serata bellezza
    http://unconventionalsecrets.blogspot.it

  • Rossella ha detto:

    A me piacciono moltissimo ma li porto poco perché durante il giorno al lavoro uso scarpe basse quindi ogni volta è una sofferenza!
    http://www.glitterchampagne.com

  • Monica & Tatiana ha detto:

    Vale noi fino a un paio D anni fa, usavamo solo tacchi, dalla mattina alla sera quasi davvero. Eravamo super abituate e ti assicuriamo che il dolore non sapevamo cosa fosse. Negli ultimi anni le abbiamo un po abbandonate, per non dire quasi sempre è praticamente ormai le poche volte che le indossiamo sembriamo degli elefanti e il dolore è alle stelle che appena tornate a casa”ma chi ce L ha fatto fare?!”. Perciò hai ragione, L allenamento è sempre una buona base per ogni cosa ;)!

    Bacioni e buon weekend :-*.
    Monica & Tatiana.
    Ambitionofstyle.blogspot.com

  • Angelica Alberti ha detto:

    li adoro ma da portare a piccoli dosi

  • Angelica Alberti ha detto:

    e devono essere di ottima qualità così sono molto più stabili

  • io troppo alte non riesco proprio a portarle .. non so come riescono a camminare con il tacco 15 pr la città– che invidia *-*

  • Luna ha detto:

    Vale non ci sono alternative, tutto il giorno è impossibile starci e chi riesce secondo me ha i piedi maciullati da calli enormi sotto la pianta che non gli fanno più sentire dolore perché altrimenti non me lo spiego.
    I tuoi consigli sono veri e onesti, i cuscinetti ritardano solo il dolore e sicuramente scarpe di buona qualità idem. Io nel mio piccolo ho scoperto che un numero in più mi aiuta molto ma comunque un gran bel tacco 12 devo sempre e comunque portarlo a piccole dosi. Quindi, viva le sneakers con la zeppa interna! ;P
    Bacione e buon weekend! :*
    Luna
    http://www.fashionsnobber.com

  • Paola Lauretano ha detto:

    La giusta postura è fondamentale!
    Ottimi tips Vale!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

  • Scoiattolina ha detto:

    Sulla qualità concordo solo in parte. Sicuramente la scelta dei materiali è importante, ma ciò che provoca il dolore è la posizione del piede, per cui materiale ottimo o no il piede sta sempre obliquo, il peso grava tutto sull’avampiede, sulle dita ed è lì che cresce la sofferenza. A volte si trovano scarpe di prestigio, fatte con materiali di eccelsa qualità, che però risultano scomodissime; viceversa può accadere che le scarpe di qualità medio-bassa siano più confortevoli. Non è una regola ferrea, insomma.
    L’allenamento, è vero, è importantissimo. Conta il 70 per cento. E anche le motivazioni. Se una donna è contenta di portare i tacchi alti soffre di meno, psicologicamente il dolore passa in secondo piano, superato. Di sicuro si impara la postura giusta, si fanno lavorare i muscoli correttamente, specie quelli dei polpacci, e ci si abitua a gestire il disagio e il dolore.
    La mia soglia di sopportazione arriva sino a un’ora e mezza, due. Poi i fastidi iniziano. I party feet ho provato ad usarli, ma poi li ho abbandonati. Danno un beneficio molto limitato e comunque creano un po’ di disagio perché camminando si spostano e insomma ho realizzato, alla fine, che il gioco non vale la candela, anche perché poi non sono ad esempio utilizzabili con i sandali.
    Ho letto della tua amica che porta i tacchi da 30 anni e ci fa addirittura i safari. Io li uso molto spesso, da quasi 20 anni, e devo dire che rispetto ai primi periodi li porto molto meglio e mi fanno un po’ meno male. Però devo dire che Luna, che è intervenuta prima di me, ha detto una verità sacrosanta. Noi che i tacchi li portiamo Tutti i giorni abbiamo l’ammortizzatore … naturale. Il durone sotto la pianta del piede che riduce un po’ il dolore derivante dalla pressione. Quando l’estetista me lo rimuove, per almeno due giorni ho dolore forte, sotto la pianta, perché la pelle è diventata più sottile, più morbida. Poi torna spessa come prima e va meglio. E’ una soluzione un po’ discutibile, però… funziona.

    • valentina ha detto:

      E’ vero, i marchi blasonati non sono sempre una garanzia ne di qualità ne di confortevolezza, ma è altrettanto vero che non ho mai trovato nella mia vita un tacco 12 low cost con cui fosse possibile passare in piedi una serata, figuriamoci fare 4 passi. Per quanto riguarda i cuscinetti resto un po’ sorpresa; non so quali usi, io personalmente acquisto sempre quelli di DR Sholl e mi trovo benissimo: non si spostano di un mmm e si possono assolutamente usare con i sandali, anche quelli più scollati. Attenzione che nelle scarpe low cost dato che spesso anche la soletta interna è di plastica forse il cuscinetto di silicone non riesce ad incollarsi, anche se questa ipotesi mi sembra alquanto inverosimile. E’ più probabile che dipenda dal tipo di cuscinetto!

  • Valentina ha detto:

    ottimi consigli! portare i tacchi alti è quasi sempre doloroso haha soprattutto quando vado a ballare :'(
    xo
    vale
    http://www.fashionneed09.com

  • thechilicool ha detto:

    Non riesco a farne a meno, tacchi sempre!
    Alessia
    THECHILICOOL

  • Marina ha detto:

    Io voto per l’allenamento!!
    E’ l’unica VERA soluzione!!
    Un bacio
    Marina
    http://www.sweetlavanda.it

  • Franci ha detto:

    Guarda sono tutte e 3 ottime indicazioni ma in assoluto mi trovo con la prima… ecco il tacco 12 di Zara è praticamente importabile! Detto da una che da Zara ci va spesso…
    Un bacione! F.

    La Civetta Stilosa

  • Cristiana ha detto:

    Inutile dirti che amo i tacchi in ogni loro declinazione. Penso però che se non si riesce a portarli nel modo corretto, siano più deleteri che altro. Numero 1: verissimo, le scarpe devono essere di qualità altrimenti tutto è vano.
    Due: la postura gioca un ruolo fondamentale se nn vogliamo danneggiare schiena, piedi e quant’altro…
    Tre: mai indossare per ore dei tacchi, ovvio che faranno male…ahimè non sono fatti per lunghe passeggiate…meglio optare per una sneakers…non trovi?
    baci
    Cristiana
    http://www.drunkofshoes.com
    Fb Rimmel a Colazione

  • Chiara ha detto:

    Splendido post!!!
    Chiara

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Menu Menu